Asciutto; detto di composizione come di versi, e simili, vale languida.
Supra a (la) pasta mi(e)nnulicchi sulla pasta mandorline, come dire: piove sul bagnato.Variare stare malfermo sulle gambe, barcollare.Opira dei Pupi Opera dei Pupi, spettacolo di marionette sui temi del ciclo di Carlo Magno e dei suoi Paladini contro i Mori.La grafia è: abbruòiari "La lettera ò è una sibilante prepalatale sorda, come nella pronuncia fiorentina di pece, pace, bacio.Ella, appena calava la sera, correva di gran carriera al lupanare dove si divertiva nel mestiere col nome di battaglia di Licisca; con i "capezzoli indorati" l'imperatrice mostrava il ventre ai clienti chiedendo in cambio il prezzo della sua fatica: "Era sempre l'ultima ad andarsene.
Proì passato bakeka incontri mature milano remoto di pròiri, porgere.
Figurato: uomo politico che riesce a sopravvivere a ogni cambiamento.
Serie di spintria o gettoni romani con cui si eseguivano i pagamenti all'interno dei bordelli, con un numero da un lato e una scena erotica dall'altro.
Baba:.037 persone hanno questo cognome, è.728 più diffuso in Italia, prevalentemente in Lazio, seguito da Piemonte e Lombardia e in minima parte in Campania.
Sintomo può significare anche colpo apoplettico o, più modestamente, svenimento.
Incatricchiato sarebbe il participio passato del verbo italiano incatricchiare, che però non è registrato da nessuno dei vocabolari della lingua italiana consultati ed è citato solo dal Vocabolario Siciliano - Italiano di Antonio Traina, come traduzione del verbo siciliano incatriculari, nel significato di avvolgere, arruffare.Sbinchiare (Sminchiari) Guastare, disordinare, ma anche storpiare, malmenare duramente.Oggi sembra sistema poco utilizzato, ma non si può mai dire e da quegli anni remoti s'è alfabetizzata e arrivata all'età della ragione almeno una generazione ignara di quegli scellerati rituali.Registra cocò, nel significato di stupido, credulone.Ma in quale lingua?



Arricogliersi rincasare, ma anche ripresentarsi dopo un certo tempo.
Fig.: donna che cerca marito accanitamente (Voc.
Eufemismo per storpiamento della parola gonorrea, malattia venerea fastidiosa, e per tale origine veniva considerata una parola da non pronunciare in società.


[L_RANDNUM-10-999]