Chi percorre viale Palmiro Togliatti ne vede a decine ogni giorno.
Roma nord da Salaria a Prati Fiscali.
Si parcheggia lauto nei pressi di un emporio cinese, si procede a piedi, pochi attimi per escort a rovigo decidere quanto spendere e via, ci si nasconde lontano da occhi indiscreti degli automobilisti che vedono e assistono basiti.Il regolamento vieta l'esercizio di «attività di meretricio» in «tutto il territorio comunale» con «qualunque modalità e comportamento».Le consolari che a più miti temperature pullulano di lucciole e clienti, a zero gradi ci appaiono deserti gelidi.L'arteria che taglia Roma est da Cinecittà al Tiburtino è un mercato del sesso a cielo aperto che resiste anche al clima da neve.Giuseppe Della Ragione ha anche denunciato una giovane donna nigeriana che non sarebbe potuta essere in città perché già destinataria di foglio di via obbligatorio emesso dal questore.Cagliari "Solo nuovi incarichi dirigenziali, ma i poliziotti dove sono"?
Il freddo delle notti di dicembre sembra averle "decimate".
Alla guida, sempre Rossetti.
Uno spogliarello alla luce del sole, filmato l'estate scorsa dai residenti con uno smartphone, ha riacceso il dibattito dopo una lunga serie di progetti vagliati dagli enti locali per contrastare il fenomeno.
E adesso in carcere.
Ventiquattro ore al giorno, in centro e in periferia, la Roma a luci rosse non dorme mai.Verso Ostia e il litorale, dalla parte opposta della città abbiamo la via Litoranea e la pineta di Castelfusano, da sempre luoghi popolatissimi dalle lucciole.Ragazze, giovanissime, strette in abiti succinti, percorrono il quadrante avanti e indietro nel buio pesto della notte.Il segretario provinciale Siap, Mauro Aresu denuncia una situazione paradossale nell'hinterland.Diverso il caso di quei Comuni che, invece, pongono divieti temporanei (ad esempio di qualche mese o di un anno) in aree limitate del proprio territorio, motivando in modo efficace il divieto: in questi casi, di solito, la magistratura dà loro ragione.Sesso en plain air in piazza Pascali.Dalla Cristoforo Colombo alla Palmiro Togliatti, dalla via Salaria alla via Tiberina alle Mura aureliane che delimitano il Centro storico,.Di: Alessandro Congia, area commerciale industriale, a dirla tutta, come sembianze poco o nulla, sporcizia e degrado invece abbondano a dismisura, come per il mercato del sesso allaperto, che si consuma tra i canneti colmi di profilattici usati, fazzolettini e clienti di una certa età.




[L_RANDNUM-10-999]